Cosa devo fare se mi fa male il petto e la temperatura aumenta

Quando allatti al seno la mamma si nasconde spesso in una varietà di problemi. Preparare tutte le spiacevoli sorprese e sapere quali misure adottare in questa o quella situazione è semplicemente impossibile. All'ignoto, puoi aggiungere l'abilità unica di una donna di prepararsi al peggio e caricarsi con o senza.

Ad esempio, quando un petto fa male e la temperatura aumenta, una madre che allatta spesso va in panico. Se incontrate questi due sintomi comuni, vi esortiamo a rimanere calmi ea dirvi cosa può significare.

La percentuale di mamme che hanno allattato al seno è immediatamente stabilita e non è stata accompagnata da alcun problema, non troppo grande. La realtà della vita quotidiana materna è tale che i sintomi imprevisti possono comparire in un dato giorno. I più comuni sono il disagio e persino il dolore al petto e alla febbre.

In questo caso, le tattiche di comportamento scorrette possono consistere nell'ignorare il cattivo stato di salute. Non tollerare questi segnali del corpo: sarebbe meglio affrontare le cause e adottare le misure necessarie. Imparerai di cosa parlano due sintomi comuni, perché compaiono spesso insieme e se possono danneggiare un bambino.

Alla ricerca di ragioni

Uno, assolutamente vero, decifrare il problema, purtroppo, non esiste. Ci sono una serie di ragioni che possono scatenare il dolore al petto in una compagnia con la febbre durante l'allattamento. Alcuni sono naturali e alcuni indicano la presenza di una malattia grave che richiede un'azione. Se stai leggendo questo articolo, hai già fatto il primo passo: non ignorare i sintomi, ma è diventato interessato a ciò che potrebbe provocarlo e ai possibili metodi di trattamento.

Abbiamo citato i fattori più comuni che causano la tenerezza del seno e la febbre. Il medico ti dirà la fonte più corretta del problema, in base alle tue caratteristiche individuali. Ma anche prima della visita dal medico, puoi ottenere informazioni su ciò che causa una combinazione di questi 2 sintomi.

  1. La prima causa comune è un cambiamento nella fisiologia del corpo. Lo sviluppo del latte materno e la formazione di alimentazione non è un processo facile e una donna si sta preparando per questo prima della nascita del suo bambino. A volte questo accade quasi impercettibilmente per la mamma, ma i sintomi possono essere pronunciati. Se parliamo del periodo di tempo della ristrutturazione del corpo, il processo richiede in genere diverse prime settimane di allattamento al seno, quando l'ormone ossitocina viene prodotto più attivamente. Durante questo periodo, le madri possono solo aspettare il dolore al petto e la febbre.
  2. Un altro motivo della categoria del naturale - sono le caratteristiche anatomiche individuali di una donna. Questi includono la dimensione dei capezzoli o la loro forma. Se il fattore del fallimento con l'allattamento si trova esattamente in questo, allora la scelta della postura corretta durante l'alimentazione ti aiuterà a risolvere il problema. Sì, a volte può essere così facile!
  3. Un possibile colpevole potrebbe afferrare erroneamente il seno di un bambino. Succede che il bambino sembra mangiare correttamente, mentre sembra che la briciola mangi e non lo infastidisca. Ma qui dolori al seno di vari gradi di gravità sono combinati con la febbre. Potrebbe essere una campana che hai problemi con la tecnica dell'allattamento al seno, o il bambino cattura erroneamente il capezzolo.
  4. Quando i dotti della ghiandola mammaria con HB diventano più stretti, provoca la formazione di sigilli, a volte con uno stato febbrile caratteristico. Perché sta succedendo questo? Ci sono diversi fattori di rischio qui - è rara alimentazione, latte in eccesso e blocco dei dotti. Se non vengono prese le misure terapeutiche necessarie, la madre che allatta può in seguito affrontare la mastite, che è una situazione più grave.
  5. Il tifo o le malattie sessualmente trasmissibili sono un'altra possibile causa di dolore al petto e febbre. Nella diagnosi di una malattia può solo aiutare il medico.
  6. Se l'allattamento al seno fa male al seno nella zona del capezzolo, allora può essere associato a crepe in loro. Alcune madri affermano tristemente questo problema già in ospedale. Forse la pelle sensibile dei capezzoli non è ancora usata per i movimenti di suzione del bambino. Nel tempo, il dolore dovrebbe recedere, perché l'intero corpo si adatta al nuovo ruolo della madre. Di norma, questo processo non supera le 2 settimane.
  7. Ci sono malattie del torace, tra i cui sintomi caratteristici sono la febbre e la presenza di dolore. Questi includono mastopatia, mastite e altri. Solo un mammologo può identificare la malattia e prescrivere il trattamento raccomandato.
  8. Tra le cause comuni di dolore toracico e aumento della temperatura, i medici chiamano il ristagno del latte e la lattostasi per la HB. Le mamme con esperienza hanno familiarità con questi spiacevoli fenomeni in prima persona. E poiché questo accade così spesso nella vita delle donne che allattano, abbiamo deciso di soffermarci proprio su questa ragione.

Quando il colpevole è la lattostasi

Questo problema appare nella vita di metà delle madri che allattano e tutto per vari motivi. Ti ricordiamo che la lattostasi è chiamata il blocco del dotto del latte o, come viene decifrato dal popolo, il ristagno del latte durante l'allattamento. Questo fenomeno può causare indumenti intimi, sonno a stomaco, alimentazione impropria, stress o sforzo fisico, che sono incompatibili con il ritmo di vita della madre durante il periodo dell'allattamento al seno.

La lattostasi inizia sempre con la comparsa di dolore al petto, che tende ad aumentare. Un aumento della temperatura con questo fenomeno può farti passare, ma comunque, nella maggior parte dei casi, ha luogo. Un termometro può indicare un livello di 37-38 gradi. A volte, anche se molto meno spesso, la temperatura sale a 39 gradi più pericolosi. Un punto importante: la madre dovrebbe essere misurata al gomito. Ciò è giustificato dal fatto che durante la lattostasi, la temperatura nell'ascella sarà leggermente più alta.

Al primo sospetto, la madre dovrebbe iniziare un trattamento immediato. Nella fase iniziale, il problema della vittoria è piuttosto semplice: il bambino deve assumere questa missione. La lattostasi si ritira sotto l'influenza di poppate corrette e più frequenti. Se per qualche motivo questo non è possibile, la madre può usare un tiralatte o può esprimersi.

Nel caso in cui inizialmente non siano state prese le misure necessarie, è probabile che la malattia si sviluppi ulteriormente. I dolori possono peggiorare, la temperatura aumenterà un po 'di più e l'indisposizione e la febbre si uniranno a questi sintomi. Anche il regime di alimentazione verrà violato, perché per un bambino il grippaggio del seno sarà problematico.

La mastite si insinuava inosservata

Se non ci sono misure tempestive per eliminare la lattostasi, c'è il rischio di mastite - il problema è più grave e doloroso. Ci sono diversi tipi di questo fenomeno durante l'allattamento al seno:

Ciò significa che la mastite può manifestarsi in vari gradi di gravità ed essere caratterizzata da sintomi diversi. Vediamo.

  1. Il primo tipo - sieroso - è caratterizzato dai sintomi di cui stiamo parlando in questo articolo, ma non in forma grave. Una moderata temperatura e un dolore toracico tollerabile in una madre che allatta sarà anche accompagnato da ingrossamento delle ghiandole mammarie.
  2. Con mastiti infiltrative, il dolore sarà più forte. È quasi sempre completato da arrossamento e calore nel petto. Per quanto riguarda la temperatura, può superare il limite di 37 gradi. Si può anche notare un aumento delle dimensioni dei linfonodi nell'area delle ascelle.
  3. La mastite purulenta è la più grave e viene trasportata molto più difficile rispetto ad altri tipi. La temperatura può raggiungere i 40 gradi, il dolore diventa spesso quasi insopportabile. Caratteristico di questo tipo di malattia sarà il rilascio di pus dal capezzolo e il colore bluastro della pelle colpita. Di norma, in caso di mastite purulenta, l'ospedalizzazione di una donna e un ciclo di antibiotici sono inevitabili. È chiaro che la madre sarà costretta a sospendere temporaneamente l'allattamento al seno del bambino.

Non esiste un trattamento migliore della prevenzione.

Sintomi spiacevoli come febbre e dolori al petto con HB sono sempre più facili da prevenire che cercare la causa e la cura. Seguendo alcuni semplici consigli, eviterete una serie di problemi che spesso attaccano le mamme. Tutti sanno la verità sul fatto che la prevenzione è il miglior trattamento, e per le mamme è di fondamentale importanza. Quindi, al fine di disagio al torace in combinazione con la febbre aggirato, attenersi ai seguenti principi:

  • Le donne incinte sono molto utili per temperare la pelle dei capezzoli. Per fare questo, il più spesso possibile, lascia riposare il seno dalle mutande intime, risciacquare le ghiandole mammarie con acqua fredda e asciugarle con un asciugamano piuttosto ruvido.
  • La modalità ottimale di alimentazione sarà a richiesta del bambino. Il frequente attaccamento delle briciole al seno può garantire l'assenza di lattostasi e tutte le conseguenze che ne conseguono. A volte ha senso esprimere ulteriormente il latte.
  • Padroneggia la corretta tecnica di alimentazione, non dimenticare di cambiare posizione e assicurati che il tuo tot catturi correttamente il seno. Se dubiti delle tue conoscenze o abilità, ti consigliamo di contattare uno specialista dell'allattamento al seno - questo sta diventando sempre più popolare e salva molte mamme.

Come evitare problemi al seno con HB: video

Potresti aver letto questo articolo alla ricerca di un piano d'azione universale per la febbre alta e il dolore al petto durante l'allattamento. Purtroppo, la stessa strategia per tutte le cause di questi sintomi semplicemente non esiste. In ogni caso, le misure adottate dipenderanno direttamente dal fattore che ha provocato i fenomeni indesiderabili. La cosa principale è che li hai scoperti in tempo, il che significa che il trattamento successivo ti renderà felice con il risultato.

Urgente. Dolore al petto e temperatura con HB.

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un membro per lasciare un commento.

Crea un account

Registrati per un account. È facile!

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Nastro attività

SOS! Indice amniotico

Shelena // ha commentato una domanda sulle domande degli utenti di Kiski Toffee

Temi e personaggi della BP che ti hanno sorpreso / fatto ridere / ricordare.

// Vika-Ejevika // ha commentato la domanda di un utente Quasi bianca e un po 'soffice. nelle domande

Dove vanno gli scoiattoli?

// Allenka // ha commentato una domanda da utente Runner in Domande

Dopo il trasferimento - modalità, benessere, dimissione, ecc.

NatiDiSpir ha risposto a un utente Alenka_Pelenka // nelle tecnologie riproduttive: AI, ECO, IKSI

Stimolazione dell'ovulazione

NYASHA ^ _ ^ PUZYASHA ha risposto all'argomento di Irina su Ovulazione e su tutto ciò

Sindrome da esaurimento ovarico. FIV con SIA

mirabella79 ha risposto all'argomento di Alenka_Pelenka // in Le tecnologie riproduttive: AI, ECO, IKSI

Trombofilia e gravidanza

Xeniya ha risposto all'argomento di Irina in About Pregnancy Planning.

Le strisce di marzo porteranno coloro che stanno aspettando molto!

YunSlavkina ha risposto all'argomento di Ружий пузик)) Informazioni sui grafici

NqzPceUjc8E.jpg

Wesna ha commentato una foto nella galleria di Valeriya0811 in Test deboli positivi

Il bambino non ha una sedia il 4 ° giorno

UlaUlianna ha commentato una domanda di / Katherine in Domande

Alimentazione e dolore al petto durante l'alimentazione: cause e trattamento

L'allattamento è un processo importante e inalienabile, dettato dalla natura. Se l'alimentazione avviene senza intoppi e non si presentano problemi, la mamma si sente più sicura. Ma ci sono situazioni in cui una donna che allatta improvvisamente si rende conto che il suo petto fa male e che la temperatura è salita al di sopra della norma stabilita. La preoccupazione su questo è comprensibile, ma per evitare il panico e continuare l'allattamento al seno, è necessario comprendere la causa di questi sintomi.

Perché sta succedendo questo? Tipicamente, il dolore al seno in una donna che allatta si verifica in due casi - lattostasi e mastite, la cui differenza è descritta di seguito.

Lattostasi: il pericolo?

C'è un ristagno di latte nel seno di una madre che allatta, in cui si verifica il blocco del dotto lattiginoso della ghiandola mammaria. Il latte non può agire in modo uniforme e inizia ad accumularsi nei lobi della ghiandola mammaria ea poco a poco inizia la stasi e l'infiammazione. Di conseguenza, il torace fa male e la temperatura aumenta durante l'allattamento.

Le principali cause della malattia sono:

  • la particolare struttura del seno;
  • spremere mentre si dorme o si indossano vestiti stretti;
  • latte ad alto contenuto di grassi;
  • stress e fatica accumulata;
  • capezzolo improprio per il bambino;
  • caricare su un gruppo muscolare specifico al lavoro;
  • ipotermia;

Tutti questi fattori possono causare dolore al torace e pesantezza.

Ma il motivo principale è il pompaggio inopportuno. In precedenza si riteneva che il latte dovesse essere decantato dal seno fino all'ultima goccia, indipendentemente da quanto il bambino abbia succhiato. Queste sono vecchie fondamenta che non hanno basi. Dopo tutto, il latte di una madre che allatta non può essere salvato. Viene prodotto in base alle esigenze e alla domanda. Quanto un bambino consuma nutrizione, così tanto l'organismo lo produce.

Se la mamma, dopo che il bambino ne ha avuto abbastanza, continua ad esprimere il latte, allora passa alla successiva alimentazione nel complesso. E il bambino succhia solo la sua norma. La mamma viene di nuovo decantata, il latte viene nuovamente prodotto sopra la norma. Di conseguenza, si verifica la stagnazione. Di conseguenza, ci sono lamentele di dolore al torace sinistro o destro.

I principali segni della lattostasi

  1. disagio e dolore
  2. compattazione, gonfiore e febbre della pelle del seno al tatto
  3. nutrire dolore
  4. La temperatura della lattostasi non supera i 37-38 ° C.

Importante sapere! Per misurare la temperatura dovrebbe essere sulla curva del gomito, come vicino alla posizione del torace, sotto l'ascella la temperatura sarà più alta.

Ristagno del latte: cosa fare?

Nella fase iniziale, per dolori al petto e temperature fino a 38 ° C, non è richiesto il trattamento con lattostasi.

L'assistente principale in questa situazione è il bambino. È necessario applicarlo più spesso al seno per disperdere il latte stagnante. Nelle pause, puoi fare un massaggio morbido, è meglio sotto i caldi flussi dell'anima, impastando delicatamente i lobi del latte. Alla fine dell'alimentazione è necessario decantare il latte fino alla fine.

Bene aiutare i rimedi popolari: allevia il gonfiore compresso da foglie di cavolo o dolci al miele. Seguire tutte le raccomandazioni prima che tutti i sintomi dolorosi scompaiano. Se non si avviano queste procedure in tempo, la forma iniziale di lattostasi diventerà più acuta. Il seno diventa pietra, il bambino è molto difficile da catturare il capezzolo e il pompaggio diventa impossibile a causa del forte dolore. In questa fase, le donne che allattano hanno una temperatura elevata durante l'allattamento e le condizioni della madre sono quasi febbrili.

mastite

La principale causa della mastite è la lattostasi non trattata. In rari casi, la mastite è causata da un'infezione. I sintomi della malattia sono simili ai sintomi della lattostasi. Tuttavia, con la mastite, un seno più spesso fa male e l'alta temperatura sale a 38 e più in alto. Ci sono tre fasi dello sviluppo della malattia e se il tempo non inizia il trattamento, le fasi fluiscono rapidamente l'una nell'altra.

  • Sieroso. Il periodo iniziale di mastite. È caratterizzato da dolore e gonfiore del petto, febbre nel 37-38.
  • Infiltrativa. Ci sono sigilli significativi nella ghiandola mammaria, aumento dei linfonodi ascellari. La donna ha la febbre e il seno dolente dopo l'alimentazione aumenta in modo significativo.
  • Purulenta. Questa è una forma grave di mastite. C'è un forte gonfiore del seno colpito, la temperatura può raggiungere 39-40 ° C. Tocchi al petto diventano insopportabili, il mal di testa appare. Il pus può essere visibile nel latte.

Esame diagnostico e trattamento della mastite

La mastite è una malattia molto pericolosa. Se l'allattamento al seno fa male al petto e alla febbre oltre la norma, solo un mammologo può diagnosticare, esaminare il paziente e prescrivere il trattamento. Egli prescriverà tutte le procedure necessarie, comprese le ecografie del seno.

Solo un medico sarà in grado di risolvere un problema così importante come la possibilità di continuare l'allattamento. Dopotutto, con la forma sierosa delle mastiti, i farmaci potrebbero non essere necessari se affrontiamo il trattamento correttamente e sviluppiamo il seno nel tempo. Ma con altre forme di farmaci è necessario.

Allo stadio infiltrativo della mastite, viene mostrato il farmaco che riduce l'allattamento, così come gli antibiotici, come l'Amoxiclav. Fisioterapia efficace. Per ridurre la temperatura prescritti farmaci a base di paracetamolo o ibuprofene.

Se la mastite è passata allo stadio purulento, in questa fase vengono prescritti antibiotici più forti, come Ceftriaxone. C'è anche un'alta probabilità che il medico prescriverà il farmaco Dostinex - sopprime completamente la produzione di latte. L'intervento chirurgico può essere necessario per rimuovere il pus dai dotti lattiginosi.

Prevenzione della mastite

Esistono diverse linee guida utili per la prevenzione delle malattie del seno. Se segui tutti i consigli, è probabile che i disturbi del dolore al petto con HB non lo faranno. È meglio non guarire, ma avvertire.

Quando una madre che allatta ha un mal di petto e compare la febbre, è possibile prendere una serie di misure preventive:

  • Indurire i petti della pelle e i capezzoli. Sta sciacquando con acqua fredda e strofinando con un asciugamano duro.
  • Non indossare indumenti intimi. Idealmente, il bucato dovrebbe essere speciale per le madri che allattano. È sviluppato e cucito tenendo conto di tutte le caratteristiche dell'allattamento al seno.
  • Non seguire alcun regime di alimentazione. Dare il seno al bambino dovrebbe essere alla sua prima richiesta. Quindi il latte arriverà tenendo conto delle esigenze del bambino e nella giusta quantità. Non dimenticare l'allegato corretto. Se un bambino prende il seno in modo errato, allora non garantisce il deflusso completo del latte, che contribuisce anche al ristagno.

Gli esperti di allattamento al seno consigliano: se il bambino non succhia il seno fino alla fine, allora è meglio decantare non dopo l'allattamento, ma prima di lui. Così, il bambino riceverà latte più prezioso e pieno di grassi, che si trova nei lobi distanti della ghiandola mammaria.

Come proteggersi dalle mastiti?

  • Igiene. Prima di alimentarlo è indispensabile lavarsi le mani e sciacquare il torace prima e dopo l'allattamento.
  • Non consentire ipotermia e lesioni. I raffreddori contribuiscono alla stagnazione del latte e alla comparsa di foche. È necessario preservare la salute delle ghiandole mammarie, capendo questa importanza per il bambino e la madre che allatta.
  • Trattamento tempestivo delle cricche dei capezzoli. Le crepe sono una via diretta per batteri e infezioni. Ci sono un sacco di strumenti per sbarazzarsi rapidamente di loro, ad esempio, Bepanten. Questa crema è assolutamente sicura sia per la mamma che per il bambino.

Nota delle mamme! La prima cosa da fare non appena il torace fa male è visitare un medico che prescriverà il trattamento giusto.

Come mantenere l'allattamento

Alcuni anni fa, non è stato possibile continuare l'allattamento con mastite. Se una donna ha avuto una tale malattia, anche nella fase iniziale, è stato fortemente raccomandato di interrompere l'allattamento al seno. Il bambino è stato inevitabilmente trasferito alla nutrizione artificiale. Ora gli esperti in materia sono avanzati molto in anticipo e insistono sul fatto che l'allattamento debba essere mantenuto indipendentemente da cosa.

Raccomandazioni di specialisti

L'allattamento è un aiuto importante nella lotta contro la mastite. In rari casi, le fasi iniziali della mastite si trasformano in purulente se la madre continua a allattare. Anche il trattamento con antibiotici non è un motivo molto significativo per interrompere l'allattamento, perché i farmaci moderni non danneggiano la salute del bambino.


Gli specialisti in allattamento al seno consigliano di nutrire il bambino il più spesso possibile, nonché di utilizzare attivamente tiralatte di alta qualità. Anche se la mastite è passata allo stadio purulento, puoi provare a conservare l'allattamento. Nutrire un bambino da un seno sano e spremere la ghiandola mammaria colpita con un tiralatte. Dopo il trattamento è finita, l'allattamento può essere ripristinato al massimo.

Dolore al seno e febbre alta durante l'allattamento al seno: cosa fare

L'allattamento al seno può causare problemi al seno durante l'allattamento. Le giovani mummie, in cui è nato il primo figlio, sono particolarmente spesso colpite, poiché prima di questo evento non c'era esperienza di applicazione del bambino al seno. Quando le ghiandole mammarie causano disagio, dolore e febbre, la donna afferma che la malattia ha inizio: lattostasi o mastite. Come si differenziano e come affrontare queste malattie?

Fattori provocatori

Ci sono molte ragioni che possono portare a lattostasi o mastite. È importante capire a tempo debito cosa stai facendo, correggerlo o verificare se sei a rischio per non portare la malattia in una forma grave.

Il petto fa male e la temperatura aumenta improvvisamente a causa di:

  • stress cronico, stanchezza, mancanza di sonno;
  • latte ad alto contenuto di grassi;
  • scarico lungo;
  • postura scomoda durante l'alimentazione;
  • dormire sullo stomaco o da un lato;
  • cambiamenti nella tecnica di suzione quando il bambino ha iniziato ad usare il capezzolo;
  • struttura anatomica del seno;
  • mancanza di regime alimentare (il latte rimane nel seno);
  • indossare biancheria intima stretta e scomoda;
  • ipotermia;
  • attaccamento improprio del neonato al seno;
  • mancanza di cure igieniche per il seno;
  • problemi con il parto;
  • infezioni virali, ridotta immunità, mancanza di emoglobina nel sangue;
  • capezzoli rotti.

Tutti questi problemi possono portare a malattie gravi. Se tutto è iniziato, allora c'è una possibilità per una donna di essere in ospedale con un'infezione, quindi il bambino sarà senza latte materno.

lactostasis

Il dolore al petto e la febbre parlano principalmente di lattostasi. Questo è il nome per il ristagno del latte nel seno quando i condotti del latte sono bloccati. Questo attacco si manifesta nei primi mesi di allattamento al seno, quando la produzione di latte materno non è ancora stabilita, arriva nella quantità di cui il neonato non ha bisogno.

  • presa del capezzolo non corretta sul bambino durante l'alimentazione;
  • aumento dell'attività fisica;
  • postura scorretta nel sonno e durante l'allattamento.

Per prevenire l'insorgenza di lattostasi, anche in ospedale, contattare il personale medico per informazioni su come allattare al seno. Se non ti è stato dato l'aiuto di cui hai bisogno in questa struttura, puoi sempre chiedere a un nutrizionista.

In primo luogo, la postura corretta durante l'alimentazione è considerata come quella in cui il bambino cattura il capezzolo e l'areola completamente, la bocca è completamente aperta e il labbro inferiore è rivolto verso il basso. Allo stesso tempo sperimentare la mamma che allatta il dolore non dovrebbe. In secondo luogo, indossa un reggiseno confortevole che non pizzica le ghiandole mammarie. Non lesinare sul nuovo intimo, quello che indossava prima della gravidanza non è utile nel prossimo futuro, perché il seno è ora aumentato di una taglia e altro ancora. In terzo luogo, cerca di mantenere il regime di alimentazione per adeguare la produzione di latte.

Quando il torace fa male e la temperatura di 37 ° dura diversi giorni, e il costante pompaggio e l'attaccamento frequente del bambino al torace non allevia la situazione, ma al contrario, aggiunge più disagio, consulta il medico nella clinica prenatale. Gli specialisti saranno in grado di dare le raccomandazioni necessarie: che tipo di unguento o gel può essere usato, come massaggiare il seno, se necessario, prescriverà farmaci che non interromperanno l'allattamento al seno.

mastite

Se il seno allattante fa male e la temperatura è salita al livello di 39 °, allora questo indica la transizione della lattostasi in una forma più grave - la mastite.

Secondo il decorso della malattia, succede:

Serous - questa è la prima fase della mastite, che è più facile da combattere, è necessario cercare urgentemente l'aiuto di uno specialista che prescriverà il trattamento necessario.

Quando il petto fa male e la temperatura in caso di HB non è l'unico sintomo, ma si accentua il torcicollo, il rossore della pelle, l'espressione di difficoltà si aggiunge a ciò, la mastite è passata alla seguente: la forma infiltrativa della malattia. In questa fase è molto importante vedere immediatamente il medico per correggere la situazione.

È importante non consentire lo sviluppo di una forma purulenta, in cui una febbre di 39-40 ° reggerà, un dolore insopportabile durante l'allattamento e anche un leggero tocco apparirà, una pelle bluastra apparirà dove c'è un ristagno di latte, il pus sarà rilasciato dai capezzoli con il latte. È necessario interrompere immediatamente l'alimentazione, chiamare un'ambulanza.

In ospedale, una donna che allatta sarà curata con antibiotici e dovrà rinunciare all'allattamento durante il periodo di trattamento.

diagnostica

Distinguere in modo indipendente la mastite dalla lattostasi è molto difficile, perché i sintomi sono simili (dolore al petto e temperatura fino a 38 °). Tuttavia, con la mastite, appaiono aree rosse di pelle sul petto, i seni sono ispessiti, gonfi, anche un leggero tocco o sfregamento causa forti dolori.

Non dovresti diagnosticare te stesso senza visitare un medico e ricorrere a rimedi popolari. Nella migliore delle ipotesi, perderà tempo, nel peggiore dei casi, aggravando la situazione. Per fare una diagnosi, un specialista del seno ti indirizzerà a un esame del sangue e al latte materno, un'ecografia delle ghiandole mammarie.

trattamento

Non trattare in modo sintomatico: bere anestetico, antinfiammatorio e antipiretico, non curare le mastiti, ma mettere a rischio la salute di bambini e di loro. I batteri inizieranno a dividersi in una modalità potenziata, dopo un po 'di tempo il dolore divamperà con una nuova forza.

Quando il petto fa male e la temperatura durante l'allattamento aumenta, è necessario visitare immediatamente il medico nella clinica prenatale. Il medico prescriverà il trattamento necessario, fornirà raccomandazioni su come comportarsi durante l'alimentazione, spiegherà quali farmaci possono influenzare il bambino. Ora ci sono molte medicine che possono curare il seno, senza svezzarlo.

Il principio principale è quello di esprimere il latte da un seno malato il più spesso possibile, anche se il seno e la temperatura del seno in allattamento sono doloranti. Acquisisci un tiralatte di alta qualità per questa procedura, decantare i resti dopo ogni poppata (ogni due ore) fino a quando non senti come la sensazione di pesantezza nella ghiandola mammaria scompare. Quindi, applica il ghiaccio avvolto in una borsa e un panno.

Puoi anche massaggiare il seno sotto una doccia calda, muovendo con movimenti circolari verso i capezzoli.

Se uno specialista ha prescritto antibiotici, l'allattamento dovrebbe cessare fino al completo recupero. Il cibo non può essere malato al seno o in buona salute! Quando una donna con mastite ha una febbre superiore a 38 °, è possibile assumere una pillola di ibuprofene, le crepe da capezzolo possono essere trattate con Bepanten. Con una tale malattia, una foglia di cavolo viene a volte applicata a un torace malato, allevia l'infiammazione, ma solo nelle fasi iniziali della mastite. Se tutto è iniziato, il medico può prescrivere un trattamento chirurgico.

prevenzione

Per prevenire il ristagno del latte nei lobuli lattici, è necessario seguire alcune regole.

  1. Indossare intimo confortevole che non sarà stretto e stretto.
  2. Prenditi cura del tuo seno, a partire dalla gravidanza, temperalo, lavalo con acqua fresca (ma non fredda!), Asciugandola con un asciugamano ruvido. Prima di allattare, eseguire procedure igieniche con il seno, lavarsi le mani e fare lo stesso dopo aver allattato il bambino.
  3. Non aspettarti che le crepe spariscano da sole. Ora c'è una vasta selezione di unguenti e gel che cureranno questo disturbo in breve tempo.
  4. Applica il bambino al seno correttamente, nel primo mese della sua vita, facci succhiare la prima richiesta, per costruire un regime e regolare l'arrivo del latte.
  5. Cerca di non essere in corrente d'aria, durante l'allattamento il seno femminile è particolarmente sensibile, è facile da raffreddare.

Se segui queste semplici regole, non saprai per esperienza cosa sono la lattostasi e la mastite!

video

Come sbarazzarsi della lattostasi ed evitare la mastite, imparerai dal nostro video.

Dolore alla temperatura del petto e dell'allattamento

Con problemi sessuali nascosti che causano casi isolati di indebolimento dell'erezione.

Con disfunzione sessuale sistemica.

Essere sempre pronti per il sesso di qualità al momento giusto.

Per ottenere la massima durezza e dimensioni del pene.

Un uomo con disfunzione erettile.

Un uomo che usa le super capsule XL. Potente flusso di sangue al pene.

XL-SUPER CAPSULES non solo migliora qualitativamente l'erezione e la durata dei rapporti sessuali, ma contribuisce anche ad un aumento significativo dell'organo sessuale maschile.

Ciò è possibile grazie all'espansione dei vasi sanguigni nel pene fino alle massime capacità fisiologiche, che fornisce i più alti tassi di circolazione del sangue e porta all'espansione del tessuto erettile, alla saturazione del sangue con i nutrienti necessari per la crescita.

La combinazione dei componenti naturali più attivi - erbe e cavallucci marini, che fanno parte di XL-SUPER CAPSULES, fornisce un risultato più veloce e più intenso, aiuta ad aumentare la larghezza e la lunghezza del pene, per ripristinare la sua elasticità senza effetti collaterali.

Già dalla prima capsula c'è un potente flusso di energia sessuale, mantenendo la piena disponibilità per il sesso per 48 ore! Valutare l'ingrandimento del pene in lunghezza e larghezza con l'uso regolare delle CAPSULE XL-SUPER.

È considerato un farmaco prezioso, in combinazione con il ginseng - un afrodisiaco insuperabile che aumenta il desiderio sessuale, la resistenza sessuale, migliora la luminosità dell'orgasmo.

Cura il pancreas, lo stomaco, i polmoni e promuove la costruzione muscolare. Yam ha anche la proprietà di migliorare la potenza. È utile per il sistema cardiovascolare, la normalizzazione dello stato dopo l'inizio della menopausa.

Utilizzato nelle malattie del sistema nervoso centrale, contribuisce al miglioramento delle prestazioni mentali e fisiche. Le radici sono ampiamente utilizzate nei paesi dell'Asia orientale come un tonico e afrodisiaco, fortificante, rivitalizzante, agente ringiovanente.

(Poria cocos Wolf)

Usato come diuretico, stimola il lavoro dello stomaco e della milza, allevia la circolazione polmonare. Poria è un ottimo tonico.

È usato come tonico delicato, ha un effetto tonico per i disturbi della funzione sessuale negli uomini.

Come risultato della nostra ricerca, è stato creato il farmaco XL-SUPER CAPSULES, che combina con successo le sostanze naturali più forti che aiutano a migliorare il lavoro degli organi interni e attivare le risorse proprie del corpo maschile.

Dopo aver preso XL-SUPER CAPSULE, il corpo inizia i principali meccanismi responsabili della funzione sessuale.

Al momento giusto, il corpo percepisce prontamente il segnale inviato dal cervello, dopo di che c'è un forte flusso di sangue all'organo sessuale maschile. C'è un'erezione persistente e prolungata.

L'efficacia dopo aver preso XL-SUPER CAPSULE è avvertita per qualsiasi grado di disfunzione erettile.

XL-SUPER CAPSULES presenterà tutte le delizie della vita sessuale e della comunicazione intima con la persona amata. Aiuteranno a rendere l'uomo sessualmente attivo di nuovo, dandogli fiducia nelle proprie forze.

Per un migliore assorbimento della capsula è meglio prendere prima dei pasti.

Il farmaco inizia ad agire quasi immediatamente. L'effetto del farmaco continua per diversi giorni.

Il farmaco XL-SUPER CAPSULES è assolutamente sicuro, può essere assunto per un lungo periodo senza ridurre l'effetto e non avere paura della dipendenza.

I motivi principali per cui i dolori al petto con HB e la temperatura

Molte donne dopo il parto devono affrontare un grave disagio quando i dolori al petto in HB e temperature sopra 37,5 gradi. Riguarda la lattostasi. I dotti mammari delle ghiandole mammarie sono intasati e il latte ristagna. Nella fase iniziale, naturalmente, il problema è riparabile, è solo necessario eliminare i fattori provocatori e regolare l'alimentazione del bambino in modo che il latte sia nella giusta quantità.

La cosa principale è eliminare il problema in modo tempestivo per evitare un peggioramento della situazione, lo sviluppo di una malattia più complessa - la mastite, irta di decorso purulento e dolore severo. Quando si verifica un'infezione delle ghiandole mammarie, una donna può finire in un letto d'ospedale in un ospedale e una briciola può essere lasciata senza un'altra porzione di latte materno.

Qual è la ragione?

Un improvviso salto di temperatura e dolore al petto può essere attivato da fattori quali:

  • ipotermia, ghiandole di freddo;
  • stanchezza;
  • mancanza di sonno;
  • eccessiva densità del latte (grasso);
  • assumere una postura scorretta durante l'applicazione o avere una posizione scomoda del corpo in un sogno (sullo stomaco o su un lato);
  • uso improprio della tecnica di suzione da parte del bambino, se inizialmente è abituato al capezzolo;
  • caratteristiche anormali dell'anatomia del seno;
  • Ristagno di latte a causa della mancanza di igiene per la cura del capezzolo e del seno;
  • sviluppo dell'infezione virale nel corpo;
  • la presenza di crepe nei capezzoli;
  • anemia, carenza di emoglobina nel sangue;
  • immunità ridotta.

Suggerimento: Se la donna è in ospedale, può chiedere aiuto allo staff medico e ottenere informazioni su come attaccare correttamente il bambino al seno. Questo vale per i giovani primipari, nei quali l'allattamento non è regolamentato e il latte rimane in eccesso.

È importante regolare il processo di alimentazione e rispettare intervalli di tempo uguali. La postura corretta è considerata quella in cui il bambino cattura l'areola insieme all'intero capezzolo, mentre la bocca si spalanca, abbassando il labbro inferiore.

Alcune cause della lattostasi e come eliminarle senza avviare il processo:

  1. Caratteristiche fisiologiche della struttura delle ghiandole mammarie. La produzione di latte stimola l'ossitocina e può causare formicolio, fastidio durante il riempimento del seno con il latte. Dopo 2-3 settimane, i segni passeranno, il processo di alimentazione diventerà un'abitudine.
  2. Capezzoli non sviluppati. È necessario determinare la posizione comoda del bambino durante l'alimentazione, in modo che non venga applicata una pressione eccessiva sul seno.
  3. Eccessiva permanenza di latte. L'avvio del pompaggio è necessario dalle prime settimane di alimentazione, gradualmente il processo dovrebbe tornare alla normalità.
  4. Congestione nelle ghiandole mammarie. Le cellule della ghiandola iniziano a produrre latte. L'overflow non può essere consentito, puoi succhiare tiralatte secondo necessità.
  5. Ha febbre alta e dolore al petto. C'è un'alta probabilità di sviluppare una mastite, con un decorso purulento, non è possibile fare a meno di passare attraverso il ciclo di trattamento con antibiotici.
  6. Il petto fa male a prescindere dal latte che arriva. La causa potrebbe essere nella malattia delle ghiandole mammarie e dei canali lacrimali, è necessario contattare un mammologo.

Dovrebbe essere compreso che la madre non dovrebbe provare alcun dolore durante l'alimentazione. In particolare, non è necessario eseguire nuovamente manipolazioni sul massaggio potenziato delle ghiandole del latte per migliorare lo scarico del latte. Questo è esattamente ciò che può provocare segni spiacevoli, fino allo sviluppo dell'infiammazione. Il latte dovrebbe rimanere gradualmente e rinforzare le flessioni dovrebbe essere avvertito. Forse la ragione è l'eccessiva densità del latte, il che significa che una donna ha bisogno di riconsiderare la sua dieta.

Mastite ingannevole

La lattostasi è un evento frequente nelle madri che allattano nei primi mesi dopo il parto e dovrebbe passare, se si adatta il regime e si adatta, scegliendo una posizione comoda per nutrire il bambino. Se il torace inizia a far male con la HB, e la temperatura sale sopra 37 gradi, dura per diversi giorni e non passa, mentre la madre drena regolarmente il latte e spesso mette il bambino al petto, quindi non si può esitare a contattare il medico. La ragione potrebbe essere nascosta nella mastite - una più grave infezione delle ghiandole mammarie quando è richiesto un trattamento antinfiammatorio.

Attenzione! La temperatura durante la lattostasi non supera il livello di 37-38 gradi. Per notare l'attacco puntuale e impedire che progredisca, è necessario misurare periodicamente la temperatura.

Se il punteggio supera i 39, non puoi trascurare di andare dal medico. È possibile l'infezione delle ghiandole mammarie, che avviene con mastite o mughetto. Di norma, la cattura del seno da parte del bambino provoca un dolore incredibile. La mastite può essere semplicemente innescata da una lattostatazione sottopressione, quando un'infezione penetra attraverso le microfessure. Forse lo sviluppo di forme sierose, infiltrative, purulente della malattia.

Segni che non possono essere ignorati

I sintomi assomigliano alla lattostasi, ma con la mastite:

  • la temperatura è di circa 39 gradi;
  • le ghiandole mammarie sono fortemente compattate e gonfie;
  • c'è un accumulo di infiltrati nelle ghiandole, un aumento dei linfonodi sotto le ascelle;
  • esprimere il latte materno diventa difficile.

Particolarmente pericolosa è la forma purulenta di mastite, quando la temperatura sale bruscamente a 40-41 gradi, il dolore toracico nella madre che allatta è aumentato, il pus che esce dai capezzoli, la pelle intorno all'aureola diventa bluastra. Questo suggerisce il ristagno del latte, l'accumulo di pus.

Se una donna è malata, probabilmente dovrà subire un trattamento ospedaliero, naturalmente, per un po 'di tempo per interrompere l'alimentazione. Condotta terapia antibiotica avanzata, e solo dopo il corso completo, è possibile continuare l'allattamento al seno.

Dovrebbe essere compreso che il processo non può essere eseguito dalle madri, perché altrimenti il ​​periodo di allattamento verrà interrotto, il che è indesiderabile per i bambini, specialmente nei primi mesi di vita. I medici consigliano di essere trattati nella fase iniziale, senza svezzare il bambino dal seno. Fortunatamente oggi ci sono preparazioni locali sicure per il trattamento del seno durante la lattostasi.

IMPORTANTE! In nessun caso dovresti continuare ad allattare durante la mastite e devi contattare il pediatra per un consiglio. Potrebbe essere necessario rimuovere il bambino dall'allattamento per un po 'e passare all'alimentazione con le miscele.

Cosa trattare

Va notato immediatamente che l'automedicazione è esclusa, specialmente nei casi di sospetta infezione delle ghiandole mammarie, quando le compresse calde sono semplicemente inaccettabili, il che non fa che aumentare la proliferazione dei batteri e portare allo sviluppo del processo infiammatorio.

Le mamme dovrebbero capire che i metodi fatti in casa sotto forma di foglie di cavolo freddo al seno sono improbabili che siano efficaci. Questo può solo aiutare con la lattostasi nella fase iniziale. La mastite è già trattata solo con antibiotici, farmaci anti-infiammatori. L'algoritmo delle azioni terapeutiche dipenderà direttamente dall'una o dall'altra forma di malattia progressiva.

Tutti sanno che molti farmaci per le donne durante il periodo di allattamento sono vietati e prendere gli antibiotici è una misura estrema. Naturalmente, con un forte dolore al petto e febbre con HB, puoi prendere una pillola di No-shpa, Paracetamolo o Ibuprofene. Bepantin è considerato sicuro - una crema per alleviare l'infiammazione e il gonfiore, che può essere usato per trattare le crepe sui capezzoli, senza preoccuparsi della salute del bambino, anche se un po 'della composizione entra in bocca.

Consigli

Le giovani madri che hanno partorito per la prima volta spesso incontrano difficoltà durante l'allattamento. Quando compaiono sintomi spiacevoli, la cosa principale è non iniziare il processo e regolare l'assunzione di latte materno in modo tempestivo, imparare come applicare correttamente il bambino al seno, in modo da afferrare completamente l'alone e il capezzolo con la bocca, trasformando la spugna in fuori.

  • aderire al regime di alimentazione e dare da mangiare all'ora, ma non rifiutare il latte al bambino al primo richiamo se arriva in grandi quantità;
  • applicare il bambino più spesso quando compaiono segni di lattostasi, per non provocare ristagni di latte, peso del seno;
  • Massaggiare il torace, se necessario, trattare con gel, unguenti su consiglio di un medico.

È importante stabilire, quindi, la naturale allattamento, in modo che il latte rimanga conforme ai bisogni del bambino. Se necessario, non dimenticare il tiralatte e rimuovere immediatamente l'eccesso, la decantazione dopo ogni poppata, fino a che la gravità delle ghiandole si attenua. Puoi attaccare il ghiaccio, avvolto in un panno o massaggiare l'area del capezzolo con un movimento circolare, preferibilmente sotto un getto di acqua calda.

Il periodo di allattamento non è un periodo meno responsabile della gravidanza. È importante evitare gli effetti meccanici sul petto, le correnti d'aria e il latte espresso tempestivo, evitando così l'ostruzione dei dotti lattici, che diventa un provocatore per lo sviluppo della mastite.

Al fine di prevenire le donne raccomandate:

  • lavati i seni ogni giorno con acqua fresca;
  • asciugare i capezzoli con un asciugamano ruvido prima dell'alimentazione successiva;
  • impara come applicare correttamente al seno del neonato;
  • tempo per guarire le crepe dei capezzoli e impedire ai batteri di entrare nelle ghiandole mammarie;
  • nutrire i primi 2-3 mesi del bambino su sua richiesta;
  • utilizzare reggiseni confortevoli (2 taglie più grandi) che non pizzicano le ghiandole;
  • per indurire i capezzoli.

In caso di lattostasi, quando il torace e la temperatura fanno male, la cosa principale è non iniziare il processo e prendere provvedimenti per svuotare il torace per evitare spiacevoli conseguenze in futuro. L'allattamento al seno è un processo naturale che dovrebbe essere piacevole per una donna e non causare dolore o disagio.

Lattostasi o mastite: perché il torace fa male e la temperatura sale

Dopo il parto, nel periodo iniziale della formazione dell'allattamento al seno accade che la temperatura aumenti e il torace inizi a dolere. La ragione di questo fenomeno spiacevole è la permeabilità irregolare del latte materno, o il fatto che i capezzoli della madre non sono adeguatamente preparati per nutrire il bambino.

Dopo un po 'di tempo, con l'aiuto del parere del medico e dell'esperienza acquisita, il dolore scompare e l'alimentazione è normalizzata. Ma se il dolore al petto e la temperatura non si fermano, allora questo è un motivo per essere prudenti. Tali sintomi possono indicare il ristagno del latte causato dal blocco del dotto del latte - lattostasi, o una malattia più grave - mastite.

Le malattie dei sintomi sono abbastanza simili e trattate con successo. Ma il trattamento di queste malattie è diverso, quindi è estremamente importante non essere confuso nella diagnosi della malattia.

Cause di lattostasi e mastite

Se una giovane madre ha un dolore toracico e una febbre, si sospetta la lattostasi o la mastite. Le cause di queste malattie possono essere diverse.

La lattostasi può verificarsi nelle seguenti situazioni:

  1. Struttura non standard del seno, che può provocare un tappo del latte;
  2. La mamma non ha mollato i vestiti stretti;
  3. Scena per molto tempo;
  4. Situazione stressante che porta a uno spasmo al seno;
  5. Stanchezza che è passata nella forma cronica;
  6. Aumento del grasso del latte;
  7. Violazione del metodo di succhiare il bambino a causa del fatto che ha iniziato a dare il capezzolo;
  8. Lo stesso tipo di movimenti della mano associati al lavoro svolto.

In alcune situazioni, la lattostasi può evolvere in mastite.

I seguenti fattori contribuiscono allo sviluppo della mastite:

  1. Se l'allattamento al seno si verifica a intermittenza per più di 2 ore o ha una base irregolare;
  2. Se il latte è permanentemente presente nelle ghiandole mammarie;
  3. Se sui capezzoli si formano crepe o micronutici attraverso i quali è possibile la penetrazione dell'infezione;
  4. Se la madre ha abbassato l'immunità o si osserva anemia;
  5. Se le regole di igiene della mammella di una madre che allatta non vengono seguite;
  6. Se la mamma indossa biancheria intima stretta;
  7. ipotermia;
  8. Errori durante l'allattamento al seno o pompaggio incompleto;
  9. Infezioni virali;
  10. Patologia mammaria o complicanze del parto.

Come riconoscere la lattostasi

È abbastanza facile riconoscere questa malattia in una madre che allatta.

Le fasi della lattostasi sono le seguenti:

  1. La lattostasi inizia con una sensazione di disagio, che dopo qualche tempo si trasforma in un dolore al seno.
  2. Il torace si sente compatto, appare l'edema. Al posto della stagnazione, si può osservare una pletora di pelle, poi appare una palla densa.
  3. I segni dello sviluppo della lattostasi sono il fatto che allo stesso tempo il torace e la temperatura 37 sono doloranti, la temperatura sale a 38 gradi meno spesso.

La misurazione della temperatura corporea è consigliata alla piega dell'articolazione del gomito, poiché sarà leggermente più alta con le ascelle.

Nella fase iniziale della malattia, il suo sviluppo può essere prevenuto da solo. Spesso è necessario dare il seno al bambino e, negli intervalli tra una poppata e l'altra, usare il tiralatte.

Se tali misure falliscono, la malattia progredisce di volta in volta. C'è un aumento della temperatura, il seno diventa duro, aumenta la taglia, appare l'edema. Malessere generale, febbre è accompagnata da deflusso del latte e dall'incapacità di allattare al seno. Le ghiandole mammarie diventano difficili e il processo di decantazione è ostacolato da un forte dolore. In questi casi, per evitare ulteriori complicazioni, consultare uno specialista.

Mastite: tipi e sintomi

Se non presti attenzione alla lattostasi e non la tratti, in determinate circostanze può trasformarsi in mastite. Quando la mastite fa male al petto e la temperatura sale a 38 gradi e oltre.

La mastite è di diverse varietà:

Con mastite sierosa, si osserva un'alta temperatura, le ghiandole mammarie aumentano un po 'e diventano dolorose.

La mastite infiltrativa è caratterizzata da febbre alta, pelle rossa sul petto. Le ghiandole mammarie guadagnano elasticità e diventano calde. Ci sono sigilli che sono molto dolenti quando si preme un dito su di loro.

Quando mastite purulenta, la temperatura sale a 40 gradi, poi inizia a fluttuare, a volte in aumento e in calo. Il torace si gonfia considerevolmente, si gonfia, si arrossa nei punti di infiammazione e quando viene toccato c'è un forte dolore. I linfonodi localizzati sotto le ascelle si gonfiano e nel latte si osservano scarichi purulenti.

I segni di mastite sono molto simili alla lattostasi e, quando compaiono, è necessario contattare uno specialista. Se sospetti di avere una mastite, devi essere esaminato da uno specialista del seno, un'ecografia e devono essere eseguiti esami del sangue e del latte materno. Sulla base dei risultati del test, uno specialista identificherà l'agente eziologico dell'infezione e prescriverà un trattamento individuale.

Trattamento e farmaci

La base per il trattamento della lattostasi e della mastite è l'allattamento al seno regolare del bambino, se consentito dal medico, così come la procedura di pompaggio completo con l'aiuto di un tiralatte.

  1. Nelle prime fasi della malattia con HB, dopo aver consultato uno specialista, il primo è quello di dare al bambino la ghiandola mammaria più dolorosa.
  2. Al fine di aumentare il flusso del latte e lo spasmo non si verifica, si consiglia di lasciare cadere 4 gocce di ossitocina sulla lingua prima di alimentarla.
  3. Puoi fare una doccia calda prima di nutrirti e fare un leggero massaggio del seno - con un movimento circolare verso il capezzolo.
  4. Dopo la poppata, i residui di latte vengono decantati in una sensazione di leggerezza nelle ghiandole mammarie. Poi sul petto per un quarto d'ora puoi mettere un impacco di ghiaccio, avvolto in un asciugamano.
  5. Questa procedura deve essere ripetuta ogni 2 ore senza interruzioni, anche di notte.
  6. Dovresti anche attaccare correttamente il bambino al seno, in modo che la sua spugna inferiore si trovi sul capezzolo rigido.

Con la lattostasi convenzionale, questo trattamento può essere abbastanza sufficiente. Per la mastite, sono necessari anche i farmaci.

Se la temperatura è superiore a 38 gradi, i medici che prescrivono il paracetamolo o l'ibuprofene vengono prescritti da un medico.

Se si osservano piaghe sui capezzoli, è possibile la terapia locale, ad esempio Purelan-100, Bepanten e altri.

Per le più gravi manifestazioni di mastite, il medico prescrive antibiotici.

Misure preventive

Per evitare la comparsa di mastite o lattostasi, è necessario preparare l'allattamento al seno e osservare alcune misure preventive.

  1. Anche durante la gravidanza, è necessario preparare le ghiandole mammarie: asciugarle con acqua fredda e utilizzare un asciugamano ruvido.
  2. Assicurati di lavarti le mani prima di dar da mangiare al tuo bambino.
  3. Impara come dare il seno al bambino.
  4. Alimenta il bambino senza restrizioni e lunghe pause.
  5. Trattamento tempestivo delle cricche dei capezzoli.
  6. Indossare un reggiseno comodo e spazioso.

Una donna che sta allattando un bambino dovrebbe fare attenzione alle correnti d'aria, all'ipotermia o al colpo accidentale del seno. L'alimentazione regolare e frequente del bambino, oltre a esprimere il latte in eccesso, salverà dal verificarsi di processi stagnanti nelle ghiandole mammarie e da malattie come la mastite o la lattostasi.

video

In questo video, un medico del seno parlerà di mastite e di come trattarla.

Allattamento al seno e febbre nella mamma che allatta

Essere malati è sempre molto spiacevole. Soprattutto quando la malattia è accompagnata da febbre e dolore. Ma se nel tempo solito la temperatura e il dolore possono essere eliminati bevendo la medicina, allora la presenza di un gran numero di divieti sull'uso dei farmaci da parte di una donna che allatta porta al fatto che semplicemente non sa come aiutare se stessa. In questo articolo capiremo quali cause portano ad un aumento della temperatura corporea e come ridurlo durante l'allattamento.

Le ragioni per l'aumento della temperatura

Per una persona sana, una temperatura è considerata nell'intervallo tra 36,5 e 36,9 o C. Ma per le donne che allattano un bambino, è un po 'diversa da questi indicatori. Di solito, le letture del termometro delle mamme che allattano sono diverse divisioni più alte. Ciò è dovuto all'arrivo del latte nelle ghiandole mammarie.
Il latte ha proprietà che aumentano la temperatura corporea. Più tempo è passato dall'ultima alimentazione, più è alta. Di norma, prima di alimentare gli indicatori di temperatura sono più alti di quelli successivi.

La misurazione della temperatura corporea durante l'allattamento nell'ascella non dà risultati affidabili. Pertanto, per scoprire gli indicatori corretti, è necessario effettuare misurazioni nella curva del gomito. È necessario attendere almeno 30 minuti dopo l'alimentazione. La figura sul termometro è normale a 37,1 o C. Al momento dell'alimentazione, può salire a 37,4 o C. Tale temperatura è fisiologica, cioè normale per il periodo dell'allattamento.
Se una madre che allatta non soffre di disturbi, dolore al petto o altri organi, non dovresti preoccuparti e intraprendere alcuna azione. I medici considerano una condizione patologica (anormale) quando la temperatura corporea sale a 37,6 o C e più, così come se è accompagnata da altre sensazioni dolorose. L'aumento della temperatura corporea può derivare da malattie quali:

  • lattostasi (ristagno nei condotti del latte) e mastite (infiammazione della ghiandola mammaria);
  • malattie del tratto respiratorio superiore (orecchio-naso-gola) di natura batterica (mal di gola, sinusite, tonsillite);
  • influenza e ARVI (infezione virale respiratoria acuta);
  • forma acuta di malattie croniche;
  • divergenza / infiammazione dei punti dopo taglio cesareo;
  • avvelenamento acuto o infezione da rotavirus;
  • infiammazione nell'utero (endometrite);
  • tromboflebite (infiammazione delle pareti venose con formazione di un coagulo di sangue), che si verifica dopo il parto;
  • altre malattie degli organi interni (infiammazione dei reni e altri).

È necessario abbassare la temperatura solo se è salito sopra 38 ° C. L'abbattimento degli indicatori di temperatura inferiori può solo danneggiare.

Lattostasi e mastite

La lattostasi è una congestione delle ghiandole mammarie, che si verifica a causa di ostruzione o spasmo del dotto del latte, eccessiva produzione di latte materno, difficoltà durante l'allattamento, improvvisa cessazione dell'allattamento al seno, indossando un reggiseno non correttamente scelto (troppo vicino). Un tale fenomeno può essere riconosciuto dalla tenerezza del seno, dal dolore durante l'alimentazione o la decantazione, dall'ispessimento e dal rossore di alcune aree del seno. Se la lattostasi non viene riconosciuta in tempo e non vengono prese le misure necessarie, può trasformarsi in una malattia più grave - la mastite. L'allattamento al seno in questo stato non solo non è proibito, ma anche necessario per eliminare il ristagno del latte.

Intorno al sesto mese dopo il parto, ho iniziato a provare dolore spiacevole durante l'alimentazione. All'inizio pensavo che i seni fossero semplicemente "stanchi" di succhiare senza fine, dato che di notte il bambino cercava spesso di mangiare e succhiava su di lei invece di "capezzoli da succhiotto". Il dolore era molto forte, dovevo stringere i denti a causa di quanto mi faceva male. Non sospettavo immediatamente la lattostasi, finché non vidi un puntino bianco sul capezzolo, che era un "tappo" che non permetteva al latte di uscire, e non sentivo piccole foche. Solo allora ho capito la ragione del mio dolore. È successo a causa del reggiseno stretto, che ha bloccato la ghiandola mammaria. Dal momento che un seno è un po 'più piccolo dell'altro, solo uno ha sofferto.

La mastite è un'infiammazione del seno. È caratterizzato da forte dolore, gonfiore, comparsa di sigilli, iperemia (arrossamento) del seno, improvviso aumento della temperatura corporea. Questa è una malattia molto pericolosa che può manifestarsi con complicanze come ascesso, necrosi, avvelenamento del sangue e persino la morte. Le sue cause sono l'infezione batterica, il più delle volte lo stafilococco. Ma fondamentalmente sorge a causa della lattostasi avviata. A causa del fatto che il latte rimane a lungo nella ghiandola mammaria, in questo luogo ci sono buone condizioni per la riproduzione di organismi patogeni, la cui riproduzione porta a infiammazione, febbre e la comparsa di un processo purulento.

La risposta alla domanda sulla possibilità di continuare l'allattamento con mastite dipende dalla gravità della malattia. Con la forma lieve della malattia, l'alimentazione può continuare. Alcune mamme hanno paura che gli agenti patogeni entrino nel corpo del bambino. Queste preoccupazioni sono infondate. Ma in alcuni casi, l'allattamento al seno dovrebbe fermarsi. Questo deve essere fatto alle seguenti condizioni:

Se sospetti di avere una mastite, devi immediatamente contattare uno specialista (ginecologo o specialista del seno) per iniziare un trattamento tempestivo.

Distinguere la lattostasi da mastite può essere per i seguenti motivi:

  1. La misurazione della temperatura corporea durante la lattostasi porta più spesso a diversi indicatori in diverse cavità ascellari. Mentre con la mastite, la differenza in queste letture sarà molto minore.
  2. Quando la lattostasi dopo la decantazione o l'alimentazione del dolore e la temperatura diminuisce. Con la mastite, svuotare il torace non porta a sollievo.

Video: cosa fare quando la lattostasi

Infezione da rotavirus

Questa malattia è anche chiamata influenza intestinale o gastrica, rotavirosi, gastroenterite da rotavirus. La causa di questa malattia è l'infezione da rotavirus. Molto spesso si ammalano di bambini, ma anche gli adulti (madri che allattano incluso) sono a rischio.

Il virus viene trasmesso più spesso dal cibo (attraverso le mani scarsamente lavate, frutta / verdura), meno spesso da goccioline trasportate dall'aria da una persona malata o da un vettore di virus, che potrebbero non mostrare i sintomi di questa malattia. La malattia è caratterizzata dall'insorgenza acuta e dai seguenti sintomi:

  • dolore all'addome;
  • nausea e vomito;
  • debolezza nel corpo;
  • alta temperatura fino a 38 ° C;
  • diarrea;
  • occhi rossi;
  • mal di gola.

La malattia pericolosa è una grave disidratazione, che si verifica a causa di frequenti diarrea o vomito.

Non è necessario interrompere l'allattamento al seno con l'infezione da rotavirus. Il latte materno contiene anticorpi in grado di proteggere il bambino da questa malattia. Ma una donna che allatta non dovrebbe dimenticare tali precauzioni come l'igiene profonda e l'uso di una benda di garza, che dovrebbe coprire non solo la bocca, ma anche il naso.

Per interrompere l'allattamento dovrebbe essere solo se il trattamento è stato prescritto farmaci incompatibili con l'allattamento al seno.

endometritis

Questa è l'infiammazione dell'endometrio (strato uterino interno). Si verifica a causa della penetrazione di microrganismi patogeni nello strato interno dell'utero. I sintomi di questa malattia sono:

  • alta temperatura corporea (con malattia grave fino a 40-41 o C);
  • debolezza generale;
  • brividi;
  • mal di testa;
  • tirando dolore nel basso addome e nella parte bassa della schiena;
  • sanguinamento prolungato dopo il parto, che dovrebbe terminare in 1,5-2 mesi dopo il parto, o il suo recupero in un breve periodo dopo la cessazione;
  • cambiamenti nella natura dello scarico: un odore sgradevole, e in alcuni casi un colore verdastro o giallo.

Nel caso di una forma lieve di endometrite, è possibile combinare il trattamento con l'allattamento al seno, scegliendo insieme a un medico le preparazioni che possono essere prese durante l'allattamento. Le forme gravi della malattia sono trattate con forti antibiotici e farmaci anti-infiammatori, quindi l'allattamento al seno dovrà essere annullato per la durata delle misure terapeutiche.

Infiammazione della sutura dopo taglio cesareo

Le cause dell'infiammazione post-operatoria della sutura sono:

  • colpo di infezione;
  • infezione degli ematomi, che si sono formati a seguito di lesioni allo strato di grasso sottocutaneo durante l'intervento chirurgico;
  • utilizzare per cucire il taglio di materiali a cui il corpo reagisce per rifiuto;
  • insufficiente drenaggio della ferita nelle donne in sovrappeso.

La sutura infiammata si manifesta come un aumento del dolore, arrossamento e gonfiore dei bordi della ferita, la formazione di secrezione purulenta o sanguinolenta, nonché un generale deterioramento della condizione: febbre alta, debolezza, dolore muscolare e altre manifestazioni di intossicazione.

Sospettando un processo infiammatorio nell'area della sutura dopo taglio cesareo, è necessario consultare urgentemente un medico.

Le fessure sul cavallo

Suturare il perineo non è raro. I fattori che influenzano la sua rottura sono un grande bambino, una pelvi stretta, un'elasticità tissutale insufficiente o una cicatrice lasciata dalle nascite precedenti. Ogni donna che ha punti in questa zona deve seguire tutte le raccomandazioni del medico per evitare la sua divergenza. Prima di tutto, è necessario osservare un'igiene accurata: sostituire le guarnizioni almeno ogni 2 ore, lavare regolarmente con sapone per bambini e dopo aver asciugato la zona con un asciugamano. Si consiglia inoltre di indossare biancheria intima spaziosa. È vietato sedersi 10 giorni dopo il parto durante la sutura del perineo. Un'eccezione è una visita al bagno, che puoi sederti il ​​primo giorno dopo la nascita.

La ragione della divergenza delle cuciture può essere:

  • infezione della ferita;
  • prendere una posizione seduta in anticipo;
  • sollevare oggetti pesanti;
  • gesti taglienti;
  • ripresa anticipata delle relazioni intime;
  • scarsa igiene;
  • costipazione;
  • cura scorretta delle cuciture;
  • indossando biancheria stretti.

La sutura divisa disturberà una donna con tali sintomi:

  • sensazione di bruciore al punto di rottura;
  • dolore e formicolio alla cucitura;
  • dimagrire con sangue o pus;
  • alta temperatura corporea (se la discrepanza è infetta);
  • la debolezza;
  • arrossamento alla cucitura;
  • sensazione di pesantezza e rottura al punto di rottura (se gli ematomi appaiono e il sangue si è accumulato).

Se trovi queste manifestazioni, cerca immediatamente un medico.

Raffreddori, influenza

Il raffreddore comune è la causa più comune di aumento della temperatura corporea. Molte persone confondono il concetto di raffreddore, influenza e ARVI. La causa del raffreddore è l'ipotermia. L'effetto del malato sull'infezione del malato con il raffreddore in questo caso è assente. Mentre la SARS e l'influenza sono il risultato del contatto con un virus che soffre una persona malata. L'influenza differisce dall'infezione virale respiratoria acuta con esordio acuto con febbre alta senza altri sintomi caratteristici delle infezioni virali respiratorie acute: congestione nasale, tosse, naso che cola.

Il trattamento di raffreddore, influenza e ARVI, di regola, è sintomatico, cioè finalizzato all'eliminazione dei sintomi. È importante non portare queste malattie "in piedi" per non provocare lo sviluppo di complicazioni.

Esacerbazione di malattie croniche

Spesso durante l'esacerbazione di alcune malattie in una madre che allatta, si possono osservare temperature subfebrilari (fino a 38 ° C). Si verifica con le seguenti malattie croniche:

  • malattie del tratto gastrointestinale (pancreatite, gastrite, colite, colecistite);
  • infiammazione delle vie urinarie (uretrite, pielonefrite, cistite);
  • malattie infiammatorie dell'utero;
  • ulcere non cicatrizzate nei pazienti diabetici.

Come ridurre la temperatura di una madre che allatta

L'aumento della temperatura corporea può essere ridotto in vari modi: sia con l'aiuto di droghe che con metodi non farmacologici.

Con l'aiuto di droghe

Prima di iniziare il trattamento, è necessario stabilire la causa della febbre e, insieme al medico, determinare se è consigliabile ridurlo. Per il trattamento delle donne che allattano è permesso usare solo farmaci sicuri che non danneggiano il bambino. Questi farmaci includono Paracetamolo e Ibuprofene, che possono essere utilizzati non solo in compresse, ma anche sotto forma di supposte rettali. Il paracetamolo come principio attivo è disponibile anche in preparati come Panadol e Tynenol. E Ibuprofen - nelle medicine Nurofen, Advil, Brufen. Di seguito è riportata una descrizione comparativa dei farmaci più popolari basati su questi principi attivi.

Il farmaco più sicuro secondo l'elenco delle controindicazioni e degli effetti collaterali è Panadol. Ma a volte non è efficace quanto Nurofen. Pertanto, se la temperatura non può essere ridotta dalla preparazione sulla base del paracetamolo, è possibile assumere il medicinale con ibuprofene. E viceversa. Inoltre, l'assunzione di questi farmaci può essere alternata.

È importante ricordare che la dose massima giornaliera di Panadol e Nurofen non deve essere superiore a 2 grammi (ovvero non più di 4 compresse al giorno, se il loro dosaggio è di 0,5 grammi) e il loro trattamento senza la raccomandazione del medico non può durare più di 2-3 giorni.

Modalità di consumo e medicina tradizionale

Un prerequisito per la rimozione di uno stato febbrile è quello di bere molti liquidi. Devi bere almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno. Puoi bere sia acqua normale che minerale senza gas. Oltre a una varietà di succhi, bevande alla frutta, bevande alla frutta. Bene aiuta a sostenere il corpo nel periodo del tè malattia con il limone. Lampone, miele, ribes nero, camomilla hanno eccellenti proprietà antipiretiche. Le bacche possono essere consumate sia fresche che sotto forma di marmellata. Il miele può essere aggiunto al tè al posto dello zucchero. Ma non è raccomandato mangiare una madre che allatta fino a quando il bambino ha 3 mesi.
Prima di un anno e mezzo, è permesso mangiare il miele nella quantità di 1 cucchiaino a giorni alterni, e dopo - la stessa quantità ogni giorno. Non superare questa dose, poiché questo prodotto è abbastanza allergenico. Le bacche possono anche essere mangiate da una donna che allatta solo dopo che il bambino ha raggiunto l'età di 3 mesi.

La camomilla può essere utilizzata dai primi mesi di vita di un bambino, ma prima è necessario monitorare la sua reazione ad esso. Per preparare questa erba è conveniente usare i sacchetti filtro. Per ottenere un drink, è necessario preparare 1 sacchetto con un bicchiere di acqua bollente e lasciare per 15 minuti. Beva il bisogno d'infusione in 2 ricevimenti. Se, tuttavia, fosse possibile acquistare la camomilla solo in forma sfusa, si verserà 1 cucchiaino di erba con un bicchiere di acqua bollente e, dopo averlo chiuso, lascialo fermentare per 15-20 minuti. Quindi l'infusione deve essere filtrata.

Quando si consumano varie bevande, una donna che allatta deve valutare i suoi benefici e il rischio di una reazione allergica in un neonato. Se non hai precedentemente consumato un prodotto che costituisce la base per bere, allora dovresti introdurlo gradualmente e con attenzione osservando la reazione del bambino.

Se la lattostasi o la mastite è diventata la causa della temperatura elevata, il consumo di bevande, al contrario, dovrebbe essere limitato.

È inoltre possibile utilizzare un metodo alternativo per ridurre la temperatura. Ad esempio, metti un impacco fresco sulla fronte. Questo metodo si basa sulle leggi della fisica, quando un corpo cede il suo calore a un altro, più freddo, e quindi riduce la sua temperatura. Puoi anche praticare lo sfregamento con acqua, con l'aggiunta di aceto nella proporzione di 1 parte di aceto e 3 parti di acqua. Quando applicato al corpo, tale soluzione evaporerà rapidamente e ridurrà la temperatura.

Va ricordato che tutti i metodi di cui sopra sono mirati solo a ridurre la temperatura corporea e non a trattare le cause del suo aumento.

Opinione del Dr. Komarovsky

L'opinione del dott. E.O. Komarovsky è sentita abbastanza spesso. La sua posizione sulla temperatura della madre che allatta è la seguente:

  1. Prima è necessario determinare correttamente la causa della temperatura e fare una diagnosi. E solo uno specialista può farlo. Pertanto, si dovrebbe assolutamente consultare un medico.
  2. Il medico consente l'uso di farmaci antipiretici sicuri come il paracetamolo e l'ibuprofene, ma solo nelle giuste dosi.
  3. È meglio prendere le medicine sulla temperatura subito dopo aver dato da mangiare al bambino. Pertanto, la concentrazione di sostanze nel latte materno per il prossimo pasto sarà minima.

Dolori muscolari, febbre e brividi senza febbre - che possa essere

A temperature elevate, tali manifestazioni della malattia come dolori muscolari, sensazioni di febbre o brividi non sono rare. Ma a volte queste condizioni possono verificarsi a temperature normali. Le ragioni di ciò possono essere:

  • avvelenamento;
  • varie malattie autoimmuni che si manifestano a causa dell'aumentata attività del sistema immunitario ed espresse nella distruzione dei propri organi e tessuti (ad esempio, artrite reumatoide, lupus eritematoso e altri);
  • disturbi dei sistemi circolatorio e cardiovascolare;
  • gonfiore;
  • lo stress;
  • esercizio eccessivo;
  • malattie virali (ARVI, varicella, rosolia, epatite);
  • infezione;
  • punture di insetti, come zecche;
  • lesioni (contusioni, fratture, abrasioni);
  • malattie endocrine della natura (diabete, ipo- o ipertiroidismo);
  • le allergie;
  • distonia vascolare;
  • disturbi della pressione sanguigna;
  • ipotermia.

In presenza di dolori muscolari e brividi per una settimana o più, una visita dal medico non dovrebbe essere posticipata.

Se una donna che allatta sperimenta la febbre e allo stesso tempo la temperatura rimane normale, allora questo può essere un segno delle seguenti malattie e condizioni:

  • sinusite;
  • mal di gola;
  • tonsilliti;
  • sinusite;
  • bronchiti;
  • distonia vascolare;
  • ipertensione;
  • sindrome premestruale.

Alcune abitudini alimentari, come mangiare cibi piccanti, possono anche portare a una sensazione di calore.

Posso allattare ad alte temperature?

La risposta a questa domanda può essere data solo facendo la diagnosi corretta. Se la temperatura corporea è aumentata a causa di raffreddore, SARS, influenza, lattostasi, mastite non purulenta, l'allattamento al seno può continuare. Interrompere momentaneamente l'allattamento al seno dovrebbe essere quando:

  • infezione da stafilococco;
  • mastite purulenta;
  • altri processi purulenti;
  • assumere antibiotici o farmaci incompatibili con l'allattamento.

Motivi per la bassa temperatura durante l'allattamento

Le letture del termometro al di sotto di 35.5 o C sono considerate basse temperature corporee o ipotermia.Le cause di questa condizione possono essere condizioni meteorologiche non ottimali in cui la madre che allatta deve vivere. Ad esempio, bassa temperatura, alta umidità, forte vento. Così come abbigliamento inappropriato (per dirla semplicemente, "non secondo il tempo"). Eliminando queste cause, la temperatura corporea, di norma, ritorna alla normalità.

L'ipotermia può anche essere il risultato di malattie come:

  • insufficienza cardiaca;
  • bassa concentrazione di ormoni tiroidei;
  • rapida perdita di peso, che ha portato all'esaurimento (cachessia);
  • sanguinamento;
  • trauma cranico.

Non è saggio sottovalutare questa condizione, poiché anche la morte può essere una complicazione. Pertanto, quando l'ipotermia viene rilevata in se stessi, si dovrebbe certamente consultare un medico per diagnosticare lo stato di salute e prescrivere un trattamento adeguato. Prima dell'arrivo del medico, la madre che allatta deve compensare la perdita di calore. Puoi farlo vestendoti calorosamente, bevendo una bevanda calda, facendo un bagno caldo. È assolutamente proibito assumere farmaci senza prescrizione medica.

Come mantenere l'allattamento ad alta temperatura

L'elevata temperatura corporea è sempre accompagnata dal consumo attivo del fluido corporeo al suo interno. La produzione di latte materno richiede anche molte risorse idriche per il corpo. Ecco perché il primo passo è prendersi cura del regime di bere della madre che allatta, in modo che il liquido che si beve sia sufficiente per i bisogni dell'organismo malato e per l'allattamento.

Se non c'è il divieto di allattare al seno, non dovresti evitare di allattare il bambino. Applicazioni frequenti contribuiranno a migliorare la produzione di latte.

Una volta ottenuto un ARVI, che era accompagnato da una febbre molto alta, ho notato che veniva prodotto meno latte. Per salvare l'allattamento, bisognava bere molta acqua e bevande calde, circa 3 litri. Ottimamente aiutato a far fronte alle alte temperature e al malessere con zenzero, miele e limone. Ma a quel tempo mio figlio aveva già 1 anno e 2 mesi e avevo già consumato questi prodotti, quindi sapevo che il bambino non avrebbe avuto allergie a loro.

Dopo la gravidanza, il parto e durante l'allattamento, il corpo della donna subisce cambiamenti significativi. Il flusso del latte aumenta la temperatura corporea. E questa è la norma. Ma un aumento significativo in esso richiede la consultazione di un medico e un trattamento medico. Non automedicare, perché può danneggiare sia la madre che il bambino, che si nutre di latte materno.

Le ragioni per cui il dolore al petto è accompagnato da febbre

Come accennato in precedenza, questi due sintomi, che sono presenti simultaneamente nella madre che allatta, possono indicare lo sviluppo della lattostasi, in cui il latte materno ristagna nei lobuli lattici. Questa condizione compare più spesso durante il primo mese dopo il parto, quando l'allattamento naturale non viene regolato e il latte arriva a caso, indipendentemente dai bisogni del bambino. E i fattori che lo provocano possono essere:

  • attaccamento improprio del bambino al seno;
  • indossando biancheria stretti;
  • posizione di riposo scomoda;
  • eccessivo sforzo fisico.

Abbastanza spesso, la lattostasi appare in quelle donne che sono diventate madri per la prima volta. La ragione di ciò è l'improprio sequestro del seno da parte della bocca di un bambino, in cui non è in grado di succhiare il latte da tutti i lobuli lattiginosi, con il risultato che il suo ristagno si verifica. Questo è il motivo per cui tutte le madri inesperte nel periodo in cui viene stabilita la lattazione sono incoraggiate a cercare aiuto da personale medico qualificato nell'ospedale per la maternità o da un consulente per l'allattamento al seno. Considera il corretto grippaggio del seno durante l'allattamento, in cui la bocca del bambino è spalancata, il labbro inferiore è scoperto e gengive non solo il capezzolo, ma anche l'areola. L'allattamento al seno non dovrebbe ferire la giovane madre.

Il seno femminile dopo il parto è sempre aumentato di un paio di taglie, quindi la solita biancheria intima che veniva indossata prima della gravidanza può diventare angusta e scomoda. Inoltre, le donne in travaglio non sono raccomandate a dormire sullo stomaco, poiché questa posizione può portare alla compressione del dotto lattiginoso e alla formazione del ristagno del latte.

Altri motivi che causano dolore lactostasis nel petto e aumento della temperatura corporea al livello di 37 e superiore includono:

  • forma irregolare del capezzolo;
  • costrizione patologica dei dotti del dotto, riferendosi alle caratteristiche fisiologiche della giovane madre;
  • aumento della produzione di latte;
  • frequenti tentativi di pompaggio;
  • lesioni alle capezzoli femminili;
  • ragazza che succhia il seno pigro;
  • alto contenuto di grassi e densità del latte.

Inoltre, il torace, accompagnato da una temperatura elevata fino a 37 gradi, fa male quando viene accidentalmente ferito o troppo freddo. Quindi, il consiglio della gente di mamme e nonne "di non raffreddare il petto" non è infondato. Quando l'ipotermia, i dotti lattici iniziano a restringersi spontaneamente, causando il ristagno del latte nei lobuli lattosi e, di conseguenza, il dolore e l'indurimento nella ghiandola mammaria.

Sintomi e segni

Riconoscere la lattostasi in una madre che allatta è abbastanza semplice. Il primo segno del suo sviluppo sarà un forte disagio nella ghiandola mammaria, a cui presto si unirà il dolore. Allo stesso tempo, il seno diventerà denso ed edematoso, e l'ipermia della pelle si verifica spesso al posto del latte stagnante. Più tardi al suo posto ci sarà un sigillo, come una piccola palla. In parallelo con questo, la temperatura corporea sale ai livelli di 37 - 38 gradi. Il suo aumento massimo può arrivare fino al segno di 39 gradi, una temperatura molto alta non è tipica per la lattostasi. Dovrebbe essere notato che la sua madre che allatta dovrebbe misurare alla curva del suo gomito. Sotto le ascelle durante l'allattamento, la temperatura sarà leggermente elevata. Quando viene osservata la lattostasi, la distorsione della temperatura - dal lato interessato dal ristagno toracico, sarà superiore a 37 gradi.

In questa fase dello sviluppo del ristagno del latte, quando il dolore non è troppo forte, puoi ancora sopportare questo disturbo da solo. E il bambino stesso aiuterà in questo, chi dovrebbe essere applicato il più spesso possibile al seno colpito, e tra l'allattamento al seno usare un tiralatte. Se, tuttavia, non fu dato alcun aiuto ai primi segni di lattostasi, i sintomi del ristagno del latte nella ghiandola mammaria iniziano a progredire. Il petto cresce di dimensioni, diventa caldo ed edematoso, la temperatura corporea sale sopra i 37 gradi e si uniscono febbre forte, dispepsia e malessere generale. È difficile per un bambino in questa fase catturare il seno, è quasi impossibile, poiché il deflusso totale del latte è disturbato e diventa molto difficile. L'auto pompaggio si trasforma in una procedura dolorosa.

Sviluppo della mastite

Se in questa fase non è stata fornita un'adeguata assistenza, allora quando si unisce l'infezione, ad esempio, a causa di crepe nei capezzoli, si sviluppa la mastite. Potrebbe essere:

I segni del suo stadio sierico sono simili a quelli della lattostasi - un aumento della temperatura corporea fino a 37 gradi, dolore nella ghiandola mammaria, il suo gonfiore e ipermia. Quando passa nella fase infiltrativa, a questi segni si aggiunge un aumento dei linfonodi ascellari dal seno colpito, la difficoltà di esprimere il latte materno, la comparsa di un nodulo nella ghiandola mammaria.

La transizione della mastite in una forma purulenta è accompagnata da un aumento della temperatura corporea al livello di 40 gradi, così come l'aspetto della secrezione purulenta dal capezzolo e l'acquisizione di un'ombra bluastra dalla pelle della ghiandola interessata. Questi sintomi suggeriscono che si è formata un'area purulenta al posto del latte stagnante.

Trattamento e prevenzione

Come accennato in precedenza, il miglior aiuto nel trattamento della lattostasi sarà il tuo bambino. Gli attacchi frequenti aiutano a rilasciare rapidamente i condotti dalla stagnazione e assicurano il normale deflusso. Se le briciole non riescono, puoi usare un tiralatte. Questo dovrebbe essere fatto, anche se il torace è dolorante. Cercare di decantare il latte a mano o attirarlo per questo marito non è necessario, una forte spremitura o un massaggio troppo aggressivo della ghiandola può portare a lesioni ai lobuli lattici, che aggraveranno ulteriormente il disturbo.

Per alleviare la loro condizione, le giovani madri, la cui temperatura corporea è superiore a 37 gradi, si consiglia di assumere una compressa antipiretica a base di paracetamolo o ibuprofene.

Se il sollievo non arriva entro due o tre giorni e il torace, dolorante e dolorante, non puoi fare a meno dell'aiuto di uno specialista qualificato. In questo caso, potresti aver bisogno di antibiotici. Il medico selezionerà un farmaco compatibile con l'allattamento al seno.

Nel trattamento della lattostasi si è dimostrato un massaggio della ghiandola mammaria che, se correttamente eseguito, rilasserà il dotto lattiginoso.

Per quanto riguarda i rimedi popolari usati per trattare il processo di ristagno, il più popolare di loro sarà la foglia di cavolo, fissata sul petto malato. Aiuta ad alleviare il dolore e ridurre le temperature a meno di 37 gradi.

Altri mezzi di medicina tradizionale, che contribuiscono alla rimozione del blocco dei dotti lattici, includono:

  • gadget di brodo di camomilla;
  • dolci di miele e cipolle;
  • trattamento della ghiandola malata con decotto di eucalipto.

Il miglior trattamento per la lattostasi, così come ogni altra malattia, sarà la sua prevenzione. Per prevenire l'ostruzione del dotto e il disturbo del deflusso del latte, il neonato deve essere nutrito frequentemente, cambiando la posizione per l'alimentazione. Con l'aumento della produzione di latte materno, dovrebbe essere decantato in rilievo. Ma non esagerare, poiché un pompaggio eccessivo può portare a iperlazione.

Inoltre, si raccomanda di esprimere leggermente il latte prima di alimentarlo. Questo permetterà al bambino di succhiare il latte, che è più grasso e nutriente, e rilascia completamente tutti i lobuli lattici. Non dovresti dimenticare le regole di igiene ed evitare l'ipotermia delle ghiandole mammarie. Se il tuo petto fa male e la temperatura sale sopra i 37 gradi, è meglio visitare un medico.

Mastodinia ciclica

Crescere è un periodo difficile per una ragazza quando il suo corpo viene ricostruito, trasformandosi da bambino in adulto. Forti ondate ormonali influenzano la crescita, la coordinazione e persino il carattere. A causa della maggiore concentrazione di progesterone ed estrogeni, inizia la crescita attiva delle ghiandole mammarie. I loro dotti sono allungati e ramificati, il tessuto ghiandolare cresce, lo strato grasso si accumula.

Le fibre nervose delle ghiandole si sviluppano più lentamente e spesso non reggono il confronto con la crescita della ghiandola, il che le costringe ad essere in uno stato teso e teso e dà al proprietario disagio. Durante l'adolescenza, le ragazze spesso iniziano a ferire il loro seno e capezzoli, le sensazioni possono essere doloranti, tirando, bruciando. Allo stesso tempo, la temperatura corporea può raggiungere il subfebbrile e raggiungere 37.0-37.5 ° C. A volte si aggiungono nausea e vomito. Questi disagi sono particolarmente pronunciati pochi giorni prima dell'inizio delle mestruazioni.

Sfortunatamente, non esiste un trattamento efficace per questa condizione, poiché è la norma e necessaria per lo sviluppo della ragazza. Nei casi più gravi, i medici raccomandano farmaci antinfiammatori e analgesici non steroidei che alleviano i sintomi. Di solito, le manifestazioni di mastodinia ciclica cessano o diminuiscono in modo irrilevante di 15-18 anni. Ma a volte i sintomi possono tornare durante la gravidanza o durante la menopausa.

lactostasis

Spesso, le madri che allattano possono sentire lamentele sul dolore al petto e la febbre. La lattostasi, cioè il ristagno del latte, è un fenomeno molto comune, soprattutto per le donne che partoriscono per la prima volta. Di norma, ciò porta a:

  • attaccamento errato o troppo raro di un bambino
  • indossa un reggiseno aderente
  • compressione toracica traumatica nel sonno

In rari casi, le caratteristiche fisiologiche sono colpevoli: restringimento dei dotti lattiferi, alta densità del latte materno, o pigiatura lenta di un neonato.

Se un seno ha una madre che allatta, massaggia delicatamente, specialmente i lobi dove si osserva tensione o indurimento, e cerca di esprimere il latte al massimo, usando un tiralatte o attaccando correttamente il bambino. Lattostasi avviata può portare a mastite lattea, una malattia molto più grave se è infetto al petto.

Mastite Lactational

Poiché l'apparizione di piccole crepe nei capezzoli è quasi inevitabile durante l'alimentazione, si raccomanda di prestare molta attenzione all'igiene del seno. Se una infezione batterica passa attraverso la fessura, il latte materno sarà il mezzo ideale per il suo sviluppo e distribuzione. I segni saranno:

  • un forte aumento della temperatura (con la lattostasi, di solito dura tra i 37-38 gradi, in casi rari fino a 39, e con la mastite può superare i 40 gradi)
  • arrossamento della pelle del seno
  • gonfiore
  • forte dolore

La mastite è caratterizzata da lesione locale della ghiandola, quindi vale la pena sospettare quando un torace fa male e la temperatura sale a 37 ° C.

Il trattamento della mastite dovrebbe iniziare il prima possibile, poiché l'infezione si sviluppa molto rapidamente. In caso di sospetta mastite, in nessun caso il latte deve essere dato al bambino, ma deve essere decantato. Inoltre, la terapia antibatterica deve essere iniziata. È meglio consultare immediatamente un medico per la selezione tempestiva del farmaco e il suo dosaggio. La mastite in esecuzione può portare ad un ascesso e richiedere un intervento chirurgico.

mastite

Come la mastite nella lattazione durante l'allattamento, l'infiammazione può comparire sul petto di una donna di qualsiasi età. L'infezione può penetrare attraverso danni alla pelle, ferite, crepe, lacrime. Nella maggioranza assoluta dei casi, l'agente eziologico della malattia è lo Staphylococcus aureus. La mastite dovrebbe essere sospettata se anche una temperatura di 38 ° C e dolore al petto. E ancora di più se:

  • la temperatura salì bruscamente a valori alti (39-41 ° C)
  • edema apparve sul petto
  • rossore
  • c'è bruciore e prurito
  • forte dolore

Di regola, un seno, sinistro o destro, è interessato. Per determinare la posizione della lesione aiuterà la temperatura dal torace letteralmente "scoppiando di calore" nel punto colpito, il tatto è doloroso. Ci può essere scarico dai capezzoli, zolfo o purulento.

Se sospetti di avere una mastite, dovresti consultare un medico il prima possibile. L'automedicazione può portare a gravi conseguenze. Fino alla rimozione del lobo affetto del seno o morte a seguito di sepsi sviluppata (infezione batterica del sangue). La terapia antibatterica e disintossicante è obbligatoria, è importante non auto-medicare e non fare affidamento su metodi non testati.

Infezioni al seno

A volte, anche se di rado, la ghiandola mammaria può essere ferita. Ad esempio, a seguito di un incidente o di un incidente stradale. Allo stesso tempo, dopo un infortunio, il petto fa male, la temperatura sale e le foche nel petto possono essere sentite nel petto. Nel tempo, si verifica la necrosi di questo tessuto adiposo. Allo stesso tempo, l'area interessata è molto dolorante e si può avvertire intenso prurito o bruciore.

C'è una generale intossicazione del corpo, ci possono essere nausea o vomito, malessere generale, perdita di appetito. Si forma una cicatrice sul sito del tessuto morto, mentre la ghiandola mammaria può cambiare forma, può apparire un nodulo o il capezzolo può essere disegnato. Questi sintomi ricordano i segni di cancro al seno, quindi è necessario consultare un medico per escludere il cancro al seno.

Tubercolosi mammaria

Questa malattia piuttosto rara si verifica più spesso come una lesione secondaria nelle donne che hanno sofferto a lungo di tubercolosi polmonare. Avviso dovrebbe:

  • cambiare la forma del seno
  • la comparsa di ulcere sulla pelle
  • dolore acuto o dolente
  • sintomi polmonari (tosse, espettorato, dolore toracico, mancanza di respiro).

La diagnosi deve essere confermata con radiografia polmonare e biopsia. Il trattamento è prescritto solo da un medico e comprende terapie complesse a lungo termine (da un anno o più), terapia di supporto e, se possibile, farmaci che alleviano i sintomi.

Oncologia del seno

Negli ultimi decenni, statistiche molto tristi sulla malattia delle donne con cancro al seno si sono sviluppate nel nostro paese. Spesso le donne non prestano attenzione ai sintomi disturbanti fino a quando non è troppo tardi. Dovresti vedere un medico se:

  • il petto fa male
  • temperatura 37-38 ° C
  • la forma del seno è cambiata, il seno sinistro e destro sono asimmetrici
  • capezzolo retratto
  • al suo interno si sente o l'urto si staglia.

In questo caso, il dolore potrebbe non essere affatto e potrebbero esserci varie sensazioni di dolore: dolore al tiro, dolore, bruciore, punti.